MUSIC TELLING: a new story of viral (indie) videos

Quando parliamo di Web 2.0, la nostra mente genera (o sta abituandosi a generare ) in automatico una parolina magica: storytelling. Raccontarsi e raccontare.  Anche la musica ha bisogno di raccontare, ne ha bisogno da sempre dal momento che si sa, l’arte spesso ha il rischio di rimanere innefabile ai più. Ecco perchè  le b(r)and della scena musicale alternativa sposano il media web per promuovere il proprio lavoro e generare awareness.

Dopo gli Arcade Fire con The wilderness downtown, progetto – esperimento con Google Chrome (Choreographed windows, interactive flocking, custom rendered maps, real-time compositing, procedural drawing, 3D canvas rendering..), gli Ok Go escono con il nuovo singolo Last Leaf e un video realizzato in stop motion.

Una storia raccontata su 2340 fette di pane.

Dopo il successo virale degli Ok Go di Here it goes again, ancora una volta si conferma fondamentale il ruolo del web anche per la scena musicale, ma soprattutto come il web sia un media low budget per grandi idee.

Enjoy

Informazioni su Curl Jam

Southern italian, vegetarian, couchsurfer. I love live music, good food and german philosophy. Curious by instinct, Strategic Planner by nature. Vedi tutti gli articoli di Curl Jam

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: